Iniziativa UDC, frontalieri preoccupati

La percentuale così alta dei "sì" in Ticino ha turbato molti lavoratori che temono che la nuova e futura legge possa far perdere loro il posto di lavoro - VIDEO

I frontalieri "intercettati" nei bar al confine hanno poca voglia di parlare, tanto meno di farsi inquadrare da una telecamera che poi trasmetterà le immagini in Svizzera. "Ma poi vanno in televisione - chiedono preoccupati - con l'aria che tira è meglio lasciare perdere". Pochi coraggiosi mettono la faccia davanti ad una telecamera e quei pochi chiedono che le istituzioni si siedano ad un tavolo per discutere di "regole". Il timore di possibili ripercussioni sui lavoratori è grande, anche se chi è più avanti con gli anni rassicura tutti dicendo che ci sono accordi anche in sede europea che dovranno essere "o ridiscussi o fatti rispettare".

Sono soprattutto i più giovani ad interrogarsi sul proprio futuro, abituati a vedere la Svizzera, "dall'altra parte della ramina", come una sorta di "infinita mucca da mungere" per usare le loro espressioni. Poche parole, dunque, la voglia di non farsi vedere forse per il timore che il proprio datore di lavoro possa poi sapere cosa pensano di questa votazioni. "Qualcuno, anzi, più di qualcuno avrà votato questo referendum - hanno chiosato dei ragazzi in un bar adiacente la dogana di Ponte Tresa - e se la percentuale è così alta chi mi dice che anche il mio capo non la pensi così"?

Questo ultimo punto ha suscitato più polemiche tra i giovani avventori. Si domandano sorpresi perché il Ticino abbia votato in questo modo così massiccio dal momento che poi gli stessi datori di lavoro chiedono sempre più manodopera italiana, "ma non solo come nell'edilizia come anni fa", dicono. Si sono detti d'accordo sul fatto che ci vogliono regole condivise ed anche loro, come i sindaci di frontiera, individuano il problema numero uno nei padroncini e nell'effetto dumping. Qualcuno si dice convinto che non cambierà nulla. "Hanno troppo bisogno di noi, dice un piccolo imprenditore edile, loro per 3'000 franchi non farebbero mai quello che facciamo noi". Sicuri?

sdr

altre notizie

Link

RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR logotipo