Venerdì 02 marzo, 09:45

Firmato il patto di stabilità

Lo sottoscrivono solo 25 dei Ventisette

Nel secondo giorno del summit di Bruxelles, 25 dei 27 Stati dell'Unione Europea hanno sottoscritto oggi un patto di stabilità con cui si impegnano ad adottare una più rigida disciplina finanziaria.

Cechi e britannici non ci stanno

Dopo l'intesa di dicembre e la definizione dei dettagli del testo in gennaio, si è dunque arrivati alla firma. Il testo non è stato sottoscritto da Cechia e Gran Bretagna, chiamatesi fuori già da tempo. L'entrata in vigore è prevista per il 2013, dopo la ratifica da parte di 12 paesi. Un'eventuale bocciatura nel referendum che sarà organizzato in Irlanda, dunque, non comportererebbe il fallimento dell'accordo.

Sanzioni e freno all'indebitamento

Secondo la cancelliera tedesca Angela Merkel, l'UE sta dando "un segnale importante". In particolare i paesi dell'eurozona stanno dimostrando di dare "la priorità alla stabilità". "È una tappa importante per rinforzare la fiducia nell'unione economica e monetaria", ha commentato invece il presidente dell'UE Herman Van Rompuy, il cui mandato è stato rinnovato per due anni e mezzo proprio ieri. Il patto prevede in particolare sanzioni più rapide per gli Stati che non rispettano il limite massimo di deficit (sempre fissato al 3% del PIL), oltre all'obbligo di introdurre un freno all'indebitamento.

altre notizie

Link

RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR logotipo